coltello cucina consigli

I migliori coltelli da cucina - Quali sono?

Scegliere il miglior coltello significa non guardare solo la marca, ma anche valutare il materiale, la saldatura tra il manico e la lama, l’affilatura e la forma della lama.

Coltelli da cucina, prezzi?

L’acquisto di un set completo di coltelli è indubbiamente conveniente, inoltre modelli di marche diverse presenterano sicuramente diversità di forma, design, bilanciamento e peso.
I set di base di coltelli sono spesso associati a ceppi contenitori, che sono molto utili sotto l’aspetto organizzativo e manutentivo.

Indicativamente i prezzi per un set base di coltelli sono:

4 coltelli in ceramica con guaina protettiva e 1 pelapatate, da €23
5 coltelli in acciaio inox con ceppo ed affilatore, da €60
15 coltelli in acciaio di carbonio con ceppo, da €65

Ecco alcuni consigli per valutare ogni aspetto del tuo nuovo coltello.

Lama del coltello

Acciaio inox
è il materiale maggiormente impiegato, è resistente alla corrosione e non richiede una particolare cura.

Acciaio al carbonio
Più duro dell’acciaio, mantiene meglio l’affilatura ma è più sensibile all’ossidazione.

Ceramica
La lama del coltello in ceramica è molto leggera, in grado di mantenere l’affilatura e non è sensibile all’ossidazione, ma i coltelli in ceramica sono fragili e quindi bisogna fare attenzione che non subiscano colpi o graffi.
Si lavano semplicemente con l’acqua. Ne è sconsigliato l’uso per il taglio delle parti ossee.

Coltello in titanio
Mantiene a lungo l’affilatura ed è molto maneggevole.

Impugnatura

Legno
Un materiale da evitare perchè tende a usurarsi e ad assorbire microrganismi e batteri, inoltre è stato vietato nelle cucine professionali.

Plastica
Ha il pregio di essere leggera e molto più igienica rispetto al legno, si usura facilemte e tende a scivolare.

Acciaio inox
Uno dei materiali piu utilizzati in quanto garantisce resistenza ed una maggior igiene.
Oltre all’acciao puro ci sono due varianti: con minore o maggiore quantita di carbonio. Meno carbonio significa una lama più leggera, che va affilata spesso.
Più carbonio, invece, significa una lama indistruttibile che offre un taglio preciso per lungo tempo.
L’unico difetto che ravvediamo è che il manico diventa particolarmente scivoloso se bagnato.

Tipi di coltelli

Esistono numerose varietà di coltelli da cucina in base al tipo di utilizzo per il quale sono stati ideati.

Coltello da chef o trinciante
E’ il coltello maggiormente utilizzato in cucina. La sua versatilità ne permette l’impiego per tagliare, affettare e tritare, ma da non utilizzare per ingredienti troppo duri.
Ha una lunghezza variabile fra 20 e 30 cm, con la lama che leggermente si curva in punta. E’ il coltello da cui partire nella scelta di acquisto di un set completo.

Spelucchino
Dotato di una lama corta, fra 6/11 cm e maneggevole, e adatto per tagliare e sbucciare frutta e verdura. La lama è realizzata in carbonio, acciaio inox o ceramica.

Coltello per il pane
Il coltello per il pane ha una lama seghettata, lunga fra 20 e 30 cm, e permette di tagliare senza problemi alimenti con crosta e buccia, infatti il pane non si sbriciola e la mollica viene preservata.
Non richiede una costante manutenzione e affilatura.

Coltello per sfilettare
Il coltello per sfilettare il pesce crudo ha una lama flessibile e leggera, in acciaio o in ceramica. Può anche essere utilizzato per tagliare frutta e verdura.

Coltello per arrosto
Ha una lama sottile di circa 25 cm che finisce con una punta arrotondata permettendo di affettare in maniera precisa senza rovinare la forma dell’arrosto.

Coltello per verdure
E’ un attrezzo con lama piatta e sottile di lunghezza intorno a 20 cm, mentre la punta è quadrata. Perchè tagli bene le verdure, occorre che sia sempre ben affilato.

Coltello per disossare
E’ il coltello con la punta curva impiegato per separare le ossa dalla carne permettendo quindi di ottenere un taglio preciso evitando sprechi. Ha solitamente una lunghezza compresa fra 9 e 18 centimetri.

Coltello per formaggio
E’ un modello con un ampia gamma di prodotti in quanto la diversa consistenza del formaggio richiede diverse caratteristiche: dal coltellino grana a lama corta per il parmigiano, ai coltelli affilati per i formaggi a pasta dura e morbida.

Coltello Santoku
Tra i migliori e versatili coltelli da cucina c'è questo coltello da cuoco giapponese, il Santoku è ideale per qualsiasi preparazione, l’impugnatura ergonomica e antiscivolo.
Ha la lama molto larga e su alcuni modelli sono presenti degli incavi per ridurre l’attrito durante il taglio impedendo che il cibo resti attaccato alla lama.

Coltello da macellaio
Sebbene il suo maggiore sia in macelleria, la sua lama pesante e particolarmente grande si può rivelare fondamentale quando si acquistano grandi pezzi di carne per tagliare fettine piccole. Richiede un tagliere apposito.

Coltello per pasticceria
Con una lama lunga e leggera rivela tutta la sua utilità quando occorre tagliare il pan di spagna e fare le porzioni dei dolci, oltre che per spalmare creme.

Coltellino per agrumi
E’ l’attrezzo molto usato dai baristi quando devono affettare gli agrumi per la preparazione dei drinks.

Manutenzione

Mantenere in efficienza i coltelli da cucina è fondamentale: una cattiva cura degli attrezzi, oltre a ridurne la durata, ne renderà più difficile l’uso.
Importantissimo quindi è mantenere la loro affilatura perfetta, infatti una lama consumata rende più difficile la lavorazione del cibo ed è pericolosa per la propria incolumità.
Raccomandiamo di non inserire mai i coltelli in lavastoviglie ma pulirli a mano, evitando di riporli nei cassetti ma inserirli in un fodero o in un ceppo da cucina.